In questo speciale ... Stampa Email
Il ruolo della pedagogia nella costruzione di percorsi identitari, spazi di cittadinanza e dialoghi interculturali

Il tema dell’intercultura e dell’inclusione è oggi cogente e condiviso sui diversi piani istituzionale, politico, economico, culturale e sociale.
In particolare, si tratta di una vera e propria emergenza educativa che la pedagogia è impegnata a fronteggiare attraverso una riflessione teorica su finalità, modelli e strategie e un impegno pratico-operativo di intervento intenzionale e progettuale.
Idee, suggestioni e riflessioni sul tema sono emerse nei due giorni che la Società Italiana di Pedagogia (SIPED) ha dedicato al Seminario nazionale “Per un nuovo patto di solidarietà. Il ruolo della Pedagogia nella costruzione di percorsi identitari, spazi di cittadinanza e dialoghi interculturali” (Università di Foggia - 31 marzo e 1 aprile 2016). 
La ricchezza e poliedricità dei contributi, raccolti nel volume, rendono conto della complessa fenomenologia della questione, evidenziandone la problematicità ma, al contempo, gli inediti spazi potenziali, nella direzione di un modello sociale e culturale aperto e disponibile ad accogliere la diversità, a partire da quella etnica, per aprirsi ai molteplici “altri” che arricchiscono il mondo e l’umanità.

 

 

 

Le curatrici

Isabella Loiodice è professoressa ordinaria di Pedagogia generale e sociale presso l’Università di Foggia. I suoi ambiti di ricerca e di studio sono rivolti prevalentemente ai temi dell’educazione degli adulti e dell’apprendimento permanente, con specifico riferimento alla dimensione intergenere e interculturale. Su questi e su altri temi del sapere pedagogico ha scritto numerosi volumi, saggi e articoli in riviste nazionali e internazionali. Dirige la rivista «MeTis. Mondi educativi. Temi, indagini, suggestioni». È componente del direttivo nazionale della Società Italiana di Pedagogia – SIPED.


Simonetta Ulivieri è professoressa ordinaria di Pedagogia generale e sociale presso l’Università degli Studi di Firenze, dove coordina il dottorato di Scienze della formazione e Psicologia. I suoi studi sono rivolti prevalentemente alla pedagogia delle differenze, alla gender education, alla formazione e istruzione di donne e bambine, alla pedagogia dell’infanzia e alla storia dell’infanzia. Su questi temi presenta una vasta e continua produzione scientifica. È presidente della Società Italiana di Pedagogia – SIPED di cui dirige la rivista «Pedagogia oggi».